cerca

Ancora sulla Morte facendo le valige

14 Settembre 2009 alle 11:07

Ho letto diverse volte l’editoriale di Ferrara. Quello che scrive ha senso per chi muore giovane non per chi vecchio ha avuto molto tempo per riflettere sull’esistenza e sulla sua fine. Pascal affermava che ogni cosa che facciamo è per esorcizzare la paura della morte! La morte non possiamo comprenderla. Di là forse capiremo. Non prima. Ecco perché morire all’improvviso evitando l’agonia o il riflettere concitato da vivi (per poco) appare come cosa buona e giusta. Sofistichiamo troppo sulla sequenza vita/morte. Della vita conosciamo qualcosa, della morte nulla.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi