cerca

In memoria di Mike Bongiorno

8 Settembre 2009 alle 20:08

A far fronte l’inesorabile moto del tempo che scava, spietato di ogni ragione, la roccia su cui posiamo il piede del nostro esistere, ci sono due condotte solo possibili che, peraltro, distinguono la qualità degli uomini: quelli che sperano di addomesticare il tempo ripetendo minuziosamente giorno dopo giorno quello che avviene giorno dopo giorno, cosicché, girando in tondo come un ciuco, il tempo si dimentichi che giorno è; e quelli che, invece, cercano di correre più veloci del tempo, riempiendo ogni istante del loro tempo di altro tempo, cosicché la distanza fra il proprio tempo e quella del tempo sia tale che, finito uno, ne rimanga almeno un poco dell’altro. Così correndo visse Mike, e forse qualche volta fu anche più veloce del tempo, in ogni modo non attese inerte che quello facesse il suo lavoro. Onore per Mike Bongiorno che morì con gli stivali ai piedi come tutti coloro per i quali esseri ha significato voler essere qualcosa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi