cerca

Cambia Italia!

2 Settembre 2009 alle 14:55

È evidentemente normale che una persona difenda se stessa (o chi le pare) da delle accuse di immoralità, tuttavia quando per farlo si punta tutto sulla contro-accusa e sulla delegittimazione di chi critica (o asseconda le critiche), allora vuol dire che non si hanno molti argomenti, oppure che si ha un concetto della morale quanto meno vago, se non anarcoide. Se poi le contro-accuse sono pure false o manipolate, beh…allora non ci sono proprie parole. Nella vicenda Berlusconi-Repubblica come in quella Boffo-Giornale ci sono i due frutti malati dell’Italia post-tangentopoli:da un lato l’accanimento senza pietà sull’accusato di turno; e dall’altra, il più disinibito lassismo, per cui per discolpare e discolparsi basta dimostrare, o far pensare, che ci sono molti altri colpevoli, come se un ladro fosse meno ladro perché sta in buona e numerosa compagnia. In ogni caso credo che un presidente del consiglio davanti a certe accuse debba delle spiegazioni al paese (che vuole governare), un direttore di giornale no. E' una banale questione di proporzioni...e responsabilità. Cambia Italia!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi