cerca

Ci salverà l’ istinto di sopravvivenza

12 Agosto 2009 alle 15:16

Con le ultime “conquiste” della biologia e della farmacologia siamo agli albori di un’ era di decisive scelte etiche e culturali, con effetti antropologici forse irreversibili. Per ora l’ aborto si farà in day hospital “aperto”, e ci vorrà un andirivieni tra casa e ospedale per due o tre giorni, o poco più. Come per tutte le grandi scoperte scientifiche, anche per quest’ultima la tecnologia che serve ad attuarla farà in poco tempo progressi per ora impensabili. (Basta ricordare la prima macchina a vapore o la radiofonia di Marconi). Il dolore fisico sicuramente verrà attenuato fino a sparire. E’ il tormento dell’ anima che rimarrà inalterato e pertanto insopportabile quando non sarà più offuscato dal dolore carnale. Dovrà intervenire allora la cura dell’ anima: sarà sufficiente negarne laicamente l’esistenza? Confido nel prevalere dell’istinto di sopravvivenza, conservatore per sua natura.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi