cerca

A fortiori

29 Luglio 2009 alle 16:06

Ultimamaente si procede per confronti: se Berlusconi non è un santo, allora non lo è neanche Marino; se Berlusconi non è del tutto trasparente e si può rimangiare ogni tanto la parola, allora può farlo anche De Magistris. Direi anche di più: se possono barare Marino e De Magistris, "a fortiori" può farlo l'amor vostro, così può scrivere qualche cosa La Repubblica, ma pure Il Foglio, Il Corriere e persino L'Avvenire; L'Avvenire "a fortiori", direi... ché il Papa c'ha solo un polso rotto, e vagli a dire qualcosa, alla sua età... Però, se fa l'anarchico il Presidente del Consiglio, ma pure un Parlamentare Europeo e persino uno che non è niente, e che soltanto aspira alla leadership del PD, allora io, che sono meno di tutti, farò l'anarchico non andando più a votare, da qui ai prossimi 20 anni, finché non si rinnova questa miserrima classe politica: ritengo, secondo il filo del mio ragionamento, di esserne legittimato "a fortiori", giacchè pur non contando niente mi sforzo di non rubare, di non strafottere e di dire le cose una volta per tutte. Potrà sembrare un ragionamento terra terra, un discorso da bar, ma non capisco più la diffusa mancanza d'indignazione: a me certi giorni sembra di stare su "Scherzi a parte".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi