cerca

Campagna giusta e rischi di derive reazionarie

17 Luglio 2009 alle 20:39

Il sig. Marcuccio parla di disperate che reclamavano libertà per il loro sesso e ora reclamano il diritto ad abortire. Ora, va bene tutto ma definire dipregiativamente le donne che hanno combattuto per la parità fra i sessi - parità che è realtà solo in occidente - mi sembra francamente troppo. Sono d'accordo con la campagna del foglio rivolta ad una sensibilizzazione sul tema dell'aborto, dramma oggi troppo spesso sottovalutato da persone che con estrema superficialità scambiano l'aborto con un diritto o un metodo contraccettivo, ma da qui a sostenere che la colpa sia delle conquiste femminili o che si stesse meglio prima (quando le donne erano chiuse in casa e se venivano "disonorate" con una gravidanza indesiderata erano solo fatti loro) ne passa. Se questa campagna del foglio deve diventare terreno fertile per reazionari mi dissocio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi