cerca

Cortei in ritardo/2

9 Luglio 2009 alle 14:44

Dopo gli ultimi penosi silenzi pubblici nei confronti dei più recenti massacri internazionali (le proteste post-elezioni in Iran e la minoranza islamica in Cina) penso che il pacifismo italiano sia definitivamente "destituito di fondamento" intellettuale, etico, morale: non regge alla logica delle argomentazioni razionali e alla prova di una "verità uguale per tutti". In questi giorni ho riletto con emozione e rabbia tutti gli ultimi libri di Oriana Fallaci, e ho ancora più chiaro cosa sia il pacifismo italiano: dàlli a Bush (è in pensione, ma è sempre colpa sua), dàlli a Berlusconi, tutto il resto "se po fà".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi