cerca

Cattolici adulti

6 Luglio 2009 alle 16:00

Mi pare che da quando è passato a Repubblica Vito Mancuso giochi un po’ troppo sull’ignoranza (o il pregiudizio, che poi si traduce in ignoranza) dei suoi lettori. Dire che il Papa inviti i fedeli a rinunciare a “vagliare autonomamente quanto ospitare, o non ospitare, nella mente” è ridicolo. Il punto non è l’obbedienza, ma l’umiltà: personalmente la fede, e anche la speranza, di trovarmi di fronte alla Verità (una Verità non cristallizzata, ma ancora da svelare pienamente, a differenza, per esempio, di quella dell’Islam), mi ha fatto scoprire una profondità di pensiero che non avrei mai immaginato, né tantomeno raggiunto da solo, e mi ha portato, dopo aver vagliato “autonomamente quanto ospitare, o non ospitare, nella mente”, a cambiare radicalmente la mia visione del mondo, in un processo che ha riguardato finora, purtroppo, principalmente la mia razionalità. Il fatto che alcuni cartelli stradali siano fuorvianti non significa che si possa arrivare in un posto dove non si è mai stati senza leggerne nessuno. Queste cose sono spiegate magistralmente nel libro del Papa sulla coscienza, che Mancuso sicuramente ha letto, e che parte dalla celebre frase del card. Newman: “se dovessi fare un brindisi, …, brinderei al Papa, ma prima alla coscienza”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi