cerca

Rivoluzioni/10

1 Luglio 2009 alle 20:30

Non riesco a capire perché affermare ,come io ho fatto , che la storia è il vero motore del progresso umano significhi negare Dio ed essere annoverati automaticamente tra i seguaci di Marx. Vorrei ricordare che il carattere permanente della filosofia hegeliana fu quello di affermare la razionalità della storia, per cui nella storia dell’uomo, pur nell’apparente guazzabuglio delle vicende che la caratterizzano , si manifesta una razionalità analoga a quella presente nella natura. Il fine della storia del mondo, secondo Hegel, è che lo Spirito giunga alla sua piena realizzazione e libertà e questo processo vede come protagonista l’uomo , con le sue idee e le sue passioni. Lo stesso Croce, circa due secoli dopo, affermava che la storia non è una sequenza capricciosa di eventi, ma l'attuazione della Ragione e per storia si intende il pensiero che diviene e si attualizza continuamente nel presente. Come si vede ho citato Hegel e Croce che non sono due positivisti né biechi marxisti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi