cerca

Il sincero credente

28 Maggio 2009 alle 14:45

"La realtà, Dio, la divinità, l'amore, la verità sono inconoscibili: significa che non possono essere compresi dalla mente razionale. Cos'è la Scrittura, allora? E' un accenno, un indizio, non una descrizione. Il fanatismo di un sincero credente che è convinto di sapere dà origine a mali maggiori di quelli provocati dagli sforzi congiunti di duecento criminali. E' terrificante vedere quello che possono fare i sinceri credenti proprio perchè pensano di sapere. Non sarebbe meraviglioso se avessimo un mondo in cui tutti dicessero: "Non sappiamo"? Antony De Mello s.j.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi