cerca

Il divorzio e l'immigrazione

18 Maggio 2009 alle 20:00

Perché, quando ci fu il referendum sul divorzio, alcuni "intellettuali" cattolici, con pose "sofferte", si affannarono a spiegare che la morale cattolica non poteva essere imposta a tutti, e invece adesso per quanto riguarda l'immigrazione bisognerebbe tutti convertirsi a questo dogma dell'"accoglienza" che sarebbe la versione trasandata della carità cristiana? Gradirei che i cosiddetti "intellettuali" cristiani e cattolici rispondessero.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi