cerca

I respingimenti dei clandestini

12 Maggio 2009 alle 19:27

Credo che la politica italiana e cioè una parte dell'opposizione, sulla questione degli immigrati respinti, stia perdendo il lume della ragione. Basta sentire le dichiarazioni di Franceschini e di Casini per rendersene conto. Francamente si rimane sconcertati, perchè pur con tutto il diritto di dissentire, dalle loro parole non emerge un pensiero con una certa logica, un'argomentazione seria; sono slogan generici, ma che vuol dire società multietnica? In che senso se ne parla? Chi nega la presenza di stranieri e più in generale un'immigrazione controllata e legale, a precise condizioni? Non c'è nulla di disumano nel respingere quelle povere persone sfruttate da organizzazioni criminali, ma una società non può permettersi di accogliere tutti. Che cosa significa che l'Italia è un paese multietnico? Che deve perdere la propria identità, se ne ha ancora una, e fare la fine dell'Olanda, come testimonia nella sua inchiesta Giulio Meotti? Per favore, cerchiamo di essere un pò più seri e onesti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi