cerca

Berlusconi e il ciarpame politico-moralistico

6 Maggio 2009 alle 18:45

Il premier sappiamo com'è fatto: simpatico, antipatico, esuberante, spiritoso, megalomane,incontenibile, sobrio; ciò è una constatazione e non una sua difesa. Mi chiedo: al di là delle questioni private con la moglie, che cosa c'è di veramente disdicevole nel suo comportamento? Il fatto d'essere andato a una festa di compleanno di una diciottenne in modo non certamente nascosto? le candidate? lasciamo perdere, suvvia. La politica è politica, lezioni di moralismo non le può dare nessuno, nè la destra, nè tantomeno la sinistra. Molti si scoprano difensori della dignità delle donne e viene proprio da ridere, se pensiamo a come una certa parte politica si atteggia verso di loro riguardo questioni ben più importanti. Certo, Berlusconi è Berlusconi, non c'è niente da fare, questo però non implica che non possa assumere in certe situazioni un contegno più moderato, ma se osserviamo le reazioni di certi politici "bacchettoni" e di una certa stampa "spazzatura", beh, meglio il premier e la sua spontaneità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi