cerca

Una scuola anti-book

24 Aprile 2009 alle 12:30

A proposito della questione posta da Mauro Luglio, mi sembra indiscutibile che l’Italia è un paese “anti-book”, le cause saranno molteplici ma la scuola credo che abbia la responsabilità maggiore non insegnando ad amare i libri. Sottoscrivo in pieno il finale dello stesso Luglio: solo chi legge (con godimento mi permetto di aggiungere) può trasmettere agli altri il piacere per la lettura.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi