cerca

L’Europa sazia e disperata

20 Aprile 2009 alle 22:00

C’è del marcio in Belgio. Anche in Inghilterra. In Europa. Negli ultimi 40 anni l’uomo occidentale si è arricchito economicamente e si è impoverito moralmente. Non c’è più equilibrio, e la forbice si è allargata a dismisura. L’Europa avrebbe bisogno di una tempesta di verità, verità nella quale l’uomo occidentale e le istituzioni europee non credono, avendo solo dubbi, perplessità, timori. Contro il conformismo, contro il sonno della ragione, il nulla del Belgio, la cultura mortifera, un Dio ci può salvare. E’ vero Ferrara, ma non da solo. Se lasciato solo non basta. Siamo disperati, ma sazi, perché abbiamo tutto. Dio da solo non può scuotere le nostre coscienze, perché abbiamo la pancia piena. Non può tutto. Per scuotere le coscienze purtroppo occorre una crisi economica seria e duratura. E che da essa si formi e cresca un’uomo serio, laico, di spessore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi