cerca

Santoro canoro

16 Aprile 2009 alle 16:30

Guardo talvolta “Anno Zero”. So che a suo tempo il Martire Santoro intonò uno struggente, indimenticabile “Bella ciao” che precedeva il suo internamento coatto ai Piombi. Sono leggermente preoccupato, dovrò mandare a letto i ragazzi prima del tempo. Pavento un “Fischia il vento soffia la bufera” in trio con Vauro e Travaglio, e con Scalfaro e Di Pietro in diretta su maxischermo a tenere bordone armati di zampogna. Roba da spappolare gli stomaci più forti. D’altro canto, quando la Democrazia, la Costituzione, la Libertà, la Resistenza, il Sindacato etc. sono in pericolo, cantar bisogna. Un briciolo di eroismo musical catodico non si nega a nessuno. Ne uccide più l’ugola che la spada. Dietro le quinte vigila comunque sempre quella buonanima dell’ italico Pantalone, che terrà fede al proprio nome e farà in modo che in brache di tela non ci resti comunque nessuno. Eroismo sì, ma col paracadute. Sai che coraggio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi