cerca

Paradigmi dell'autocontraddizione

8 Aprile 2009 alle 20:00

Duemila parole. Ci stiamo un po’ stretti (siamo logorroici). Ma proviamo. Non siamo di fermi propositi. Più recente fioretto tradito: non parlare del terremoto in Abruzzo. Motivo: ne parlano già in tanti. Pure troppi. Eppure qualcosa capita e i voti si spezzano. Capita, per esempio, di leggere (su Repubblica) un pezzo di Giovanni Valentini. Mirabile figura di editorialista organico. Titolo: “Le colpe del malpaese”. In apertura di suddetto articolo, Valentini, molto opportunamente suggerisce che: “ È doveroso ora far fronte all'emergenza, soccorrere le vittime, assistere i sopravvissuti, ripristinare al più presto condizioni di vita normali e dignitose per tutti. Ed è senz'altro opportuno accantonare per il momento qualsiasi polemica contingente, per concentrare gli sforzi in un impegno comune di solidarietà. “ Se non ché, tre capoversi più in basso, tradisce i suoi stessi propositi e ci ricorda che: “ Fuori oggi da una sterile polemica politica, non si può fare a meno tuttavia di registrare l'enorme distanza - propriamente culturale - fra un approccio di questo genere e il cosiddetto "piano-casa" recentemente varato dal governo di centrodestra…” Ci sembra che il brano citato non si collochi idealmente fuori di ogni “sterile polemica politica”. Se questo era l’intento si è fatto un buco nell’acqua. Appariscente, peraltro. Il “piano-casa” ora come ora ci interessa poco. Ci interessa molto, invece, notare che in una circostanza come questa si poteva evitare di tirarlo in ballo. Almeno se si voleva tener fede agli intenti espressi poco prima, e badare a ciò che adesso è necessario: soccorrere, assistere, ripristinare. Almeno se non si voleva tradire lo spirito evangelico del “chi di voi è senza peccato scagli per primo la pietra” riservandosi il diritto all’uso della frase “si strumentalizza il dramma”. Almeno se si voleva conservare quel po’ di considerazione di cui ancora si godeva. Già detto: tradiamo i nostri voti. Parrebbe che siamo in buona compagnia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi