cerca

Dubbi

1 Aprile 2009 alle 15:52

Stavo lì, occhi fissi sullo schermo, il dubbio amletico che solletica e impone risposte. Intanto il dito fremeva sul mouse, interdetto anch'egli per una proposta indecente con tutto il fascino che l'indecenza a volte può apportare. E nicchiavo e maledicevo un'ortodossia da cavaliere che tuonava repulsioni verso il Fini di Bologna che tante scudisciate sta scaricando nello storico momento politico. Ero fiaccato dall'enigma, tentato da strade voltagabbanesche, annusavo i due mesacci aggratisse che il display ammantava di piaceri estatici. Porca miseria che stress emotivo, perdindirindina che azione dilaniante chè quando elementi malandrini s'addossano alla sfera decisionale della coscienza non c'è secomera che tenga: sei fregato. La fronte imperlata di sudore, il battito accelerato, smanie di possesso verso un sito fuoriclasse mandavano in frantumi certezze granitiche dell'attimo prima. Poi è arrivato l'attimo dopo nella forma del baratto osceno, coscienza o baldanza? Coerenza o varcare il confine? Lo so che la coerenza è l'arte dei cretini, e appunto di tal stimmate oramai mi onoro. Alea iacta est, il dado è tratto, fuggo Fini e mi becco un mese di meno di spazialità gratuita nelle praterie foglianti. Però già il rimorso attanaglia viscere e anima, il mese lasciato per moralismi personali ha già l'aura della coglionaggine che mi stampo in viso. Il tutto condito dall'incertezza di una presa per il culo che s'è trasformata da potenza in atto. Chapeau Foglio!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi