cerca

Il pensiero diverso

27 Marzo 2009 alle 16:30

Pensare in modo diverso, rispetto al popolare e consolidato orientamento di massa, presenta molte incognite ma, soprattutto, espone a rischi concreti, in primis, quello di vedersi negare ogni futuro spazio di espressione. Ricalcare abilmente i valori condivisi dalla maggioranza, stando molto attenti a non alterarne in alcun modo la sostanza ma limitandosi a cesellarne con maestria soltanto le forme, rappresenta invece una prodigiosa ricetta in grado di assicurare spazio e visibilità all’interno della convulsa, e soltanto apparentemente variegata, giostra dell’odierna informazione. La sincronia, dimostrata da molti in tal senso, conduce quindi ad ottenere spazio e consenso popolare, dando luogo allo sconcertante paradosso delle “libere” opinioni a senso unico, un male del quale il nostro paese sembra essere afflitto in questi ultimi anni. Perfino coloro che per precisa e spontanea collocazione dovrebbero essere apertamente schierati tra chi difende e promuove la libertà di espressione, nell’accezione più ampia e dignitosa del termine, hanno spesso timore del possibile dissenso derivante dalle loro scelte, preferendo quindi la comoda strada che conduce alla turpe negazione della libera espressione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi