cerca

Il Papa e l'amico di sinistra

27 Marzo 2009 alle 11:15

Mail ricevuta da un amico (parecchio) di sinistra: "Non ho tempo per articolare il mio pensiero, ammesso ne abbia le capacità. Ma a costo di passare per il solito sinistriste lacerato in cerca del voto cattolico, che su di un intero discorso del Papa sferzante su temi che dovrebbero esser cari, si sia isolata un'unica cosa pur discutibile per parlare solo di quello ed evitare il resto è davvero triste. Costruendo il solito corollario di panegirici sugli attacchi alla laicità, oscurantismi di ritorno, complotti vaticani e piripì e parapà (tu quoque Rodotà) giusto per riempire il tempo e le colonne quotidiane. Insomma questo spara a zero su di un secolo di politiche imperial-colonialiste, stronca le multinazionali, ripudia la guerra, parla di bene comune, di giustizia sociale, invita a ribellarsi al regno del denaro e tutto quel che resta da commentare è che doveva promuovere il preservativo? Contenti noi..."

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi