cerca

Obama: con i nemici si parla

9 Marzo 2009 alle 18:00

“Parlare” con l’Iran, ovvero offrirgli una manciata di vantaggi economico-politici in cambio di una rinuncia ai suoi piani, denota una mentalità materialista tipica dell’Occidente degenerato. L’Oriente (ed in particolar modo l’Islam) più “spirituale” dell’Occidente, non ragiona sempre come hanno fatto ragionare noi fin dai banchi di scuola, quando si leggeva sul libro di storia che tutte le guerre scoppiano per motivi sostanzialmente “economici”. Questo modo marxista di valutare le azioni dei popoli, ora entrato in profondità anche nella cultura cattolica, è totalmente sbagliato, e sta facendo fare all’Occidente il suo più grande errore. L’Iran se ne strafrega degli “incentivi” o dei “deterrenti”. L’Iran vuole semplicemente esportare la Rivoluzione islamica, senza “secondi fini”, e lo farà con tutte le sue forze quando deciderà che il momento opportuno sia giunto, con brutalità “eroica” e suicida. Se non apriamo gli occhi in tempo, e il tempo è già scaduto, con i nostri occhi vedremo quello che da tempo altri occhi di cristiani come noi vedono in Darfur e altri simili luoghi di dialogo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi