cerca

La bella modernità cadaverica

9 Marzo 2009 alle 14:00

Grazie Direttore, per il bellissimo contributo di Francesco Agnoli dal titolo “La bella modernità cadaverica”. Mi sento molto più sollevato dopo aver letto le parole dell’Autore!. Sì, è incolmabile la differenza di umanità tra pensiero gnostico, o peggio ancora nichilista, e quello cristiano. Per me, che ho sofferto come tanti del male oscuro, che non ho mai risolto il mistero della fede, ma che porto dentro un’ammirazione sconfinata per il patrimonio di valori umani, morali e culturali ereditati dalla tradizione giudaico-cristiana, è una grande gioia sapere di poter contare su un popolo di Dio che non mi impedisce e non mi impedirà mai di credere nella Speranza. Speranza come Vita e Speranza, un giorno, di vedere il Volto dei Volti senza bisogno di nessun lasciapassare testamentario. Nessuna cultura eutanasica, neo-laicista o nichilista che sia potrà mai defraudarmi di questa Speranza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi