cerca

Arte oratoria

7 Marzo 2009 alle 10:00

Non e' mai stato un segreto, ma l'utilizzo del TelePrompter da parte del Presidente Obama sta diventando caso di studio. Sostanzialmente non c'e' discorso importante o di scarso rilievo nel quale sia assente il prezioso schermo magico. Pare anche che nei rarissimi casi in cui e' mancato, la dialettica di Obama ne ha risentito non poco. E' stato notato che e' come se ci fosse un filtro, uno schermo appunto che allontana il Presidente ed il popolo Americano, manca in sostanza l'eye contact con la gente. Il soffermarsi su certe parole ed in certi momenti del discorso sono allora sistematicamente il frutto di un sofisticato studio, una sottolineatura in uno schermo, un elaborato e riuscitissimo piano di marketing. Questo e' certo comune e vero per tanti politici di successo ci mancherebbe, pero' questa sorta di dipendenza, questa estrema sistematicita' fa pensare, visto che in fondo si tratta del Presidente...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi