cerca

La caduta del dio mancusiano

28 Febbraio 2009 alle 10:41

Convinto sostenitore di buona parte del pensiero di Vito Mancuso (quando ad esempio sostiene che il Cristianesimo è eccessivamente cristocentrico), dispiaciuto per il Suo passaggio a Rep. ma soprattutto perché tocca con gli ultimi scritti la vetta più alta dell’individualismo, più alta nel senso che coinvolgendo Dio punta tutto sulla libertà personale assoluta senza minimamente tener conto del fatto che viviamo in una comunità e che dovremmo fungere da riferimento ed esempio per nostri figli. Traduzione: “Dio, Tu che esisti e sei immenso, Tu che mi hai fatto dono di questa vita, grazie, ma ora ne faccio quello che mi pare, non dovendo rendere conto a nessuno".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi