cerca

Prevenire è meglio che curare/2

18 Febbraio 2009 alle 17:00

Gentile Imma, e se io, pur avendo fatto tutta la prevenzione correttamente suggerita dai due luminari Veronesi e Marino, dovessi andare, malauguratamente per me e per i miei cari, in coma persistente e se il mio desiderio, liberamente espresso precedentemente, fosse proprio quello di non voler essere supportato in nessun modo per continuare a vivere in quelle condizioni dopo un tempo ragionevole di attesa, a lei, gentile Imma, questa mia libera scelta quali danni e quali rimorsi inenarrabili potrebbero causare?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi