cerca

Mantenersi dietro alla realtà effettuale delle cose

17 Febbraio 2009 alle 17:32

Quando capirà Veltroni che non deve dare ascolto ai consiglieri fraudolenti dell'intellighenzia sinistrorsa nazionale? Chi non è in sintonia con il popolo non è degno di governare, gli intellettuali parlano di città e stati che non si sono mai visti e non tengono conto dell'effettualità delle cose. Quando capirà che il primum mobile della politica non è l'economia ma la sicurezza? Non avverte che nel suo ventre cresce la tenia Di Pietro, che non è un economista ma uno sbirro? La lega e Di Pietro faranno incetta di voti alle prossime elezioni, non è la crisi che preoccupa, gli italiani hanno sufficiente fieno in cascina per proteggersi dalla tempesta globale, non fidandosi dello stato hanno attivato le risorse della furbizia mediterranea per i loro bunker finanziari, mentre si trovano a mal partito per gli arsenali della difesa personale affidata alle leggi e allo Stato. Non sarà per questo che la malavita nelle regioni meridionali è insopprimibile e destinata a vincere su tutti i fronti della sicurezza e poi della economia? Quando Adamo zappava e Eva filava chi era un gentlman? Date pochi anni alla delinquenza e i figli faranno dimenticare i loro antenati, non è avvenuto così in America con i Kennedy?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi