cerca

Ciao Giacomo

16 Febbraio 2009 alle 16:15

In punta di piedi com'è sempre stato. Se ne va uno degli ultimi fuoriclasse della pedata, animo nobile e tocco di raffinatezza celestiale. Giacomo Bulgarelli era di un altro pianeta, in questo calcio malandato sussurrava appena dialettiche dense di disquisizioni tecnico-tattiche dai microfoni dei commenti. E anche qui rimanevi impietrito dalla sua cortesia cadenzata e ascoltavi tutto con la voracità dei calciofili ante-litteram. Perchè Bulgarelli veniva di lontano, dal pane e salame dei campi dove l'ingordigia finanziaria e impositiva dei modelli attuali era ancora da venire, brumosa, e la bella arte del pallone sfornava uomini di storie e fragilità. Una bandiera Giacomino, uno che con l'eccellenza del tocco poteva aprirsi all'empireo del futbol. E invece restò a dettar profezia nella provincia emiliana quasi a cercar difese tra Garisenda e Asinelli. Ora le chiamano bandiere, sono pochine, un po' scolorite, vengono definite quasi rarità. Bulgarelli no, lui la coltivava la passione stanziale di chi ha solo da immergersi nelle realtà lontane e vivere un po' più in là del sogno, quando una maglia a striscie rosse e blu rappresenta confini di mondo e l'altro di mondo non interessa, quasi che debba rimanere isolato nei lustrini della sua magnificenza. Ciao Giacomo, difficile non incedere nella retorica, però mancherà quella semplicità innalzata a filosofia, mancherà la timidezza del sorriso, quando aprivi al mondo la tua grazia di esserci. Che Dio padre ti accolga con un pallone in mano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi