cerca

Commento a "perché siamo sempre sconfitti"

12 Febbraio 2009 alle 11:10

A proposito del bell'articolo "Perché siamo sempre sconfitti", mi permetto di aggiungere: forse non abbiamo ancora capito (o meglio, accettato) che lo stile, la logica di Dio, fattosi uomo in Gesù, è quello della croce-risurrezione. Quello, cioè dell'apparente sconfitta, del fallimento, della minoranza. E' indubbiamente uno stile difficile da comprendere e da accettare. Richiede riflessione e fiducia credere che Cristo sulla croce era in comunione con tutti i disgraziati, le vittime e le Eluane della storia e che continuerà a esserlo fino alla fine. Una fiducia molto difficile da concedere a Qualcuno che non è evidente, non è generalmente tangibile, interpellabile, fotografabile. D'altra parte ogni generazione ha avuto le sue apparenti sconfitte, i suoi presunti fallimenti. Penso alle persecuzioni crudeli e persistenti dei primi secoli dopo Cristo, le eresie e gli scismi che hanno lacerato il Medioevo, il furore distruttivo dell'Iluminismo e della Rivoluzione francese, l'orrore delle Guerre Mondiali e delle ideologie naziste e comuniste che hanno portato all'Olocausto e ai goulag. La nostra generazione deve lottare contro l'apostasia generale, edonismo il nichilismo, che portano solo frutti di morte: aborto, eutanasia, eugenetica, sperimentazione aberrante fra cellule umane e animali, disintegrazione dei valori. Non credo alle ricette facili, tipo crociate culturali, manifestazioni, vescovi che alzano la voce ecc. Dobbiamo solo tenere duro e attendere che Dio adempia la sua promessa: quella della risurrezione. Mi consola pensare che anche i discepoli di Emmaus, se ne stavano tornando a casa, delusi... Non è facile credere che il bello deve ancora venire, che la croce non avrà l'ultima parola sulla Storia. E' una scommessa, diceva Pascal. Dobbiamo solo scegliere per chi scommettere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi