cerca

Sempre meno liberi

11 Febbraio 2009 alle 14:45

Si è permesso allo stato di itervenire in un ambito che doveva restare sotto il più completo dominio degli individui e della loro coscienza. Papà Englaro ha voluto un'autorizzazione amministrativa per porre fine alla vita di sua figlia disabile. Il permesso di procurare 'legalmente' la morte ad un individuo, inerme indifeso innocente, è forse il colpo più devastante mai dato alla libertà personale: c'è la possibilità ora di decidere chi è utorizzato a vivere e a che condizione...il sogno socialista dalla culla alla tomba!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi