cerca

Se la Sicilia affonda...

11 Febbraio 2009 alle 10:00

A quasi centocinquanta anni (1861-2011) dalla costituzione del Regno d'Italia, la Sicilia rimane l'ultima regione per sviluppo,PIL,infrastrutture e qualità della vita. La ricchezza che produciamo ogni anno ,in media,è meno della metà di quella prodotta dalle regioni del Nord. E ancora dalla Sicilia il flusso migratorio ha raggiunto livelli paragonabili a quelli dei primi anni del XX secolo. Qualcosa,è chiaro, non funziona.La questione meridionale nata all'inizio del secolo passato non è stata risolta e probabilmente non lo sarà mai. Questa unità nazionale di cui siamo stati protagonisti nel 1860 si è rivelata un abbaglio.Siamo cresciuti,è innegabile.Ma quanto di questa crescita è dovuta alla nostra posizione all'interno del contesto nazionale e quanta è dovuta alla naturale evoluzione delle cose. Il problema che noi siciliani oggi dovremmo porci è :cresceremo meglio stando soli-pur se all'interno di un contesto europeo- alla pari di piccole nazioni come Danimarca o Irlanda, o legati ad un gigante(l'Italia) che ha già deciso da decenni che l'unica parte produttiva del paese è il Nord, relegando noi al ruolo di serbatoio di voti e manodopera?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi