cerca

Il malpaese

9 Febbraio 2009 alle 20:25

Che paese è mai questo in cui la sola certezza è il dubbio? E' un'Italia strana in cui per alcuni medici Eluana è morta da diciassette anni e per altri invece da diciassette anni continua a vivere. E' un'Italia strana in cui alcuni giuristi dicono che il Capo dello Stato ha fatto bene a non firmare il decreto e altri giuristi sono sicuri dell'esatto opposto. Come dice il mio amico Piero Ostellino non siamo la patria del diritto ma del rovescio. Siamo il territorio indistinto delle previsioni fatte passare per emergenze, delle cose che potevano essere e sono state. Uniti nell'essere divisi su tutto. Anche sul destino di una donna giovane mandata a morire in un ospizio per vecchi, ultimo affronto anche anagrafico a una vita interrotta che però continua a essere vita. A Udine è stata approntata una stanza per l'ultimo atto. A Lecco c'è n'è una adesso vuota ma piena di ricordi per le suorine di quell'ordine al quale i fondatori, il beato don Luigi Talamoni e Maria Biffi Levati, vollero dare un nome che da solo spiegasse già tutto: suore misericordine. Diceva Giovanni Paolo II che 'quanto più la coscienza umana, soccombendo alla secolarizzazione, perde il senso del significato stesso della parola misericordia, tanto più la Chiesa ha il diritto e il dovere di fare appello al Dio della misericordia'. Poi i laici e gli atei non devoti decidano se accogliere o rifiutare l'appello. Chi crede ha già fatto, invece, la sua scelta. E sta con il Direttore di questo giornale perchè può capitare che gli opposti si incontrino se di mezzo c'è una vita. Diversa. Ma vita. Che qualcuno si ostina a chiamare morte con un beffardo ossimoro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi