cerca

La verità non abita qui…

6 Febbraio 2009 alle 14:10

Pietro Crisafulli, fratello di Salvatore che nel 2005 si risvegliò dallo stato vegetativo nel quale si trovava in seguito ad un inci­dente, ha inviato ieri una let­tera a Tgcom nella quale rac­conta i suoi incontri con Bep­pino Englaro, padre di Elua­na, sostenendo fra l’altro che questi gli disse che la figlia non aveva espresso alcuna volontà di morire nel caso si fosse ridotta ad un vegetale «Era il marzo del 2005 quan­do l’ho conosciuto, eravamo entrambi invitati alla tra­smissione “Porta a Porta», racconta Crisafulli. Che ag­giunge: «Da quel giorno sia­mo rimasti in contatto e ami­ci, ci siamo scambiati anche i numeri di telefono per sen­tirci, parlare, condividere o­pinioni. All’epoca anch’io e­ro favorevole all’eutanasia. Facemmo anche diverse foto insieme e visitai la città di Lecco».«Nella circo­stanza – continua Crisafulli – Beppino En­glaro mi fece diverse con­fidenze, tra le quali disse che i rappresentanti nazio­nali del Partito Radicale era­no suoi amici. Si confidò a tal punto da confessarmi che non era vero niente che sua fi­glia avrebbe detto che, nel ca­so si fosse ridotta un vegeta­le, avrebbe voluto morire. Beppino si era inventato tut­to perchè non ce la faceva più a vederla ridotta in quelle condizioni. Entrò anche nel dettaglio spiegandomi che i danni celebrali erano gravis­simi e che l’unica soluzione era farla morire e che, proprio per il suo caso, voleva com­battere fino in fondo in mo­do che fosse fatta una legge, proprio inerente al testa­mento biologico», scrive an­cora Crisafulli. «In quella circostanza anch’io ero favorevole all’eutanasia e gli risposi che l’unica solu­zione poteva essere quella di portarla all’estero per farla morire, in Italia era impossi­bile in quanto avevamo il Va­ticano che si opponeva fer­mamente. Ma lui – sostiene Crisafulli – sembrava deciso, ostinato e insisteva per arrivare alla soluzione del testa­mento bio­logico, per­chè era con­vinto che con l’aiuto del partito dei Radicali ce l’avrebbe fatta». [...]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi