cerca

Il nodo

6 Febbraio 2009 alle 18:00

Il nodo della questione è capire cosa sia la vita. La nostra cultura ha convinto questa generazione che vivere sia stare bene, non avere preoccupazioni, godersela finchè si può, eliminare i fastidi ed i problemi. Ma vivere non è questo. Tutti sappiamo nel profondo, senza bisogno di citazioni, che ciò che desideriamo veramente è amare ed essere amati. Ma l'amore è sofferenza. Amare veramente comporta spendersi, donarsi, esporsi, ferirsi ed anche morire. Una moglie che perdona un marito infedele, muore a sè stessa, soffrendo, ma insegna cosa sia l'amore al marito e così facendo ama. In fondo vive veramente, umanamente cioè degnamente, soltanto chi ama. E chi può dire che Eluana non viva? Chi lo dice che Eluana con le sue attualità non stia amando? E soprattutto guardate in che modo ella sia in grado con la sola sua tenace esistenza ipodinamica di ridimensionare e ricollocare nella verità le nostre deliranti ed isteriche aspettative di vita. Eluana è un mistero, come l'esistenza. La sua presenza ci ricorda chi siamo e ci svegia dal torpore. Eluana va rispettata, va lasciata amare, a suo modo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi