cerca

Chi è senza peccato scagli la prima pietra

6 Febbraio 2009 alle 20:00

Chi è senza peccato scagli la prima pietra. E la scagli contro Beppino Englaro se coraggio e determinazione lo sorreggano. Io no, ripongo pietra e intenzioni e lascio che la vita sporchi il mio candore con sensi e sensazioni del peccare. Pechè Beppino ha il volto tumefatto di uno di noi, ha gli occhi spenti che credono oramai solo alla potenza taumaturgica di un destino compiuto, Beppino non scruta più gli orizzonti della vita perchè la vita ha distrutto la sua speranza. E allora riponiamola tutti quella pietra e cerchiamo di comprendere un padre che da diciassette anni assiste allo scempio di un corpo che respira ma non vive. E non ce la fa più Beppino a ridere e a farsi travolgere da una leggerezza che il vivere più non ha. Perchè la morale e il moralismo attengono alla teoria dello stare al mondo, e Beppino non può permettersi nè di moraleggiare nè di soprassedere quando tutta la disumanità di un fato poco divino tagliano respiro e parole. Così Beppino, figlio della disperazione cerca ripari a dilemmi ultraterreni, quando silenzi imponenti cadenzano le risposte, questo è lo sporcarsi col mondo che travolge la persona umana piccola e impreparata ai marosi di non senso. Perchè un uomo può piangere il suo dolore, perchè un padre lacerato ha diritto al silenzio e non al giudizio. Riponiamo quella pietra, tutti, e allarghiamo le categorie della coscienza alla contemplazione del dolore paterno. E allora forse potremo avvicinarci un millesimo di spazio alla disperazione per una figlia che sta lì ma non c'è, esiste ma non vive. Non si può crocifiggere Beppino Englaro al caldo delle case e nelle comodità di poltrone. Non si può perchè la sfera dell'iposcrisia rischierebbe di travolgerci tutti. Facile scrivere intervenire dibattere quando la vita nutre e non condanna. Facile. Coraggio Beppino, guarda il mondo negli occhi e che scaglino la prima pietra. Io la mia la poggio in terra e vengo ad abbracciarti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi