cerca

La dura vita del consumatore

4 Febbraio 2009 alle 13:00

Consumare consumare e ancora consumare. Dalle statistiche sembra che l’anno scorso gli stipendi sono cresciuti più dell’inflazione, non è il mio caso ma comunque vorrei acquistare qualcosa per far ripartire l’economia. L’operazione non è affatto una cosa facile. Parto con una grande idea una nuova automobile, l’operazione è diventata molto complessa, già scegliere la propulsione presenta dei rischi, poi ci sono i furti, i danni provocati apposta dai teppisti, i tempi di consegna e le clausole del contratto, le rateazioni, il TAN-TAEG ecc, se rimango con la mia auto tutto sommato vivo più tranquillo. Provo con l’High Tek, uno smartphone ecco cosa mi serve, non va meglio. Qui non ci sono problemi di contratto ma solo per imparare ad usarlo mi ci vorrà una settimana o forse più e potrebbe anche essere che invece di semplificarmi la vita probabilmente me la complica. Rimango con il telefonino, il portatile e l’agenda di carta. Cambio prospettiva, non si acquista niente si va a sciare; assicurazione personale e contro terzi, casco, catene montate, tutta la domenica concentrato a non investire qualche sciatore ma anche a non essere investito e alla sera sei ore di coda al rientro. Però qualcosa bisogna consumare, godersi la vita e andare al ristorante più spesso potrebbe essere un’idea, qui non ci dovrebbero essere difficoltà, ma sarà uno slow food, userà prodotti eco sostenibili, con o senza ogm, a km0 o a km 10000 . Un bel problema intanto prendo la carta dei vini, decine di tipologie mosso fresco mantecato fruttato passito DOP, o sei un sommelier oppure puoi ordinare solo acqua minerale. Va bene ho capito per non stressarmi l’unica soluzione è acquistare un libro o un giornale . Se mi piace lo leggo tutto altrimenti poco poco .

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi