cerca

Caro dr. Morte

3 Febbraio 2009 alle 15:35

Dr. Da Monte, sono disgustato dalle dichiarazioni che ha reso davanti alle telecamere del TGR del Friuli Venezia Giulia. Capisco benissimo le mille e diverse posizioni che sono emerse davanti al mistero della sofferenza di Eluana Englaro, a loro volta specchio di altrettante concezioni ed esperienze di vita. Capisco benissimo che Eluana è viva e che è vostra intenzione privarla del nutrimento che la tiene in vita. Non capisco e non tollero il fatto che lei, mentre si prepara ad uccidere un essere umano, se ne esca affermando di essere “devastato” per il semplice fatto che altri abbiano espresso e difeso posizioni diverse dalla sua ed abbiano fatto tutto quanto in loro potere per tutelare la vita della donna che lei, con fare professionale, si accinge ad uccidere. Stia zitto, d’ora in poi, e abbia rispetto del mistero verso il quale si protendono le sue mani. Stia in rispettoso silenzio mentre si avvicina al cuore della vita di Eluana, di questa vita che lei non ha creato e che non possiede e che ora si accinge a sopprimere. Mentre la uccide, ausculti il suo cuore, appoggi una mano sulle sue labbra fino a che non smetterà di sentirne il respiro. Allora, una volta fermatosi il cuore e spentosi il respiro, esterni pure, mi dica come ci si sente ad aver ammazzato una donna.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi