cerca

La banalità del bene

27 Gennaio 2009 alle 18:50

L’episodio degli orfani ucraini (riferito dal Sig. Mansour) è toccante e straziante. A parte la sostanziale differenza – rispetto al caso di Eluana – data dal fatto che questi piccoli derelitti sono vigili e coscienti di quello che stanno vivendo, il deamicisiano autogol è piuttosto evidente. Fatela finita con la banalità del bene, fate la volontà di Eluana, spedite immediatamente in Ucraina le tre suorine e le dozzine di lagnosi personaggi che da settimane la menano col mantra della sacralità della vita. Proprio perché la vita è sacra, lasciate morire Eluana e andate a salvare quei piccini. E vedete anche di spicciarvi: non è più tempo di chiacchiere, dimostrateci quanto realmente vi sta a cuore la vita. Questa è la sola lezione che si può accettare da voi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi