cerca

L'ultimo dei Mohicani e il bosco sacro

26 Gennaio 2009 alle 20:30

Nel film l’Ultimo dei Mohicani, un gruppo di coloni britannici è inseguito nella foresta da miliziani francesi alla guida di loro alleati Irochesi. E’ notte, i coloni si nascondo in un cimitero indiano. Francesi e Irochesi avanzano e giungono al limitare del cimitero. Questo punto il capo degli Irochesi si rifiuta di avanzare e impone anche ai Francesi di fermarsi. “Pourquois?” domanda l’ufficiale francese, e il capo indiano risponde: “E’ terreno sacro, impossibile violarlo”. Il sacro si presenta come linea che stabilisce il confine dell’agire in quanto barriera indipendente dal volere e dal desiderare umano.Violare il sacro è impossibile dal punto di vista spirituale non materiale. Oltrepassare il terreno sacro per inseguire il nemico sarebbe utile dal punto di vista umano ma, una volta compiuto l’atto, si smetterebbe – se si è Irochesi - di poter dare un significato al proprio essere ed appartenere. Si è qualcuno e si è qualcosa perché abbiamo appreso che ci sono cose che non dipendono dal nostro volere, ma ci sono donate da chi sta al piano superiore affinché possiamo costruirci un significato oggettivamente riconoscibile di quello che si è. Se si infrange il sacro si torna ad essere esseri naturali, impersonali e oscuri esattamente come tutti quelli che popolano la foresta. La dimensione naturale è quella che fa dell’interesse la regola universale dell’agire e del volere. Più profondamente è quella che pone il conseguimento dei proprio desiderare come unico possibile discrimine della sensatezza dei propri convincimenti. E’ in quest’ottica che possiamo leggere la vicenda della signorina Eluana e di chi ha deciso la estinzione della sua persona. Nella dimensione della vita spirituale oggi vincente, la vita di Eluana non ha alcun significato perché non è utile a nessuno dei suoi desideri e, di contro, è inutile (dannosa) a chi la tiene in vita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi