cerca

L'immoralista

20 Gennaio 2009 alle 19:00

Povero sceicco proprietario del Manchester City, lo hanno apostrofato di immoralità e altri epiteti moral-etici-corretti. Ma 'sto petroliere se vuole vincere potrà ben spendere i suoi danari o chiedere il permesso alla fantomatica spectre della morale calcistica? Nel calcio moderno le vittorie si costruiscono a suon di cartamoneta e non con inviti ipocriti alla cautela finanziaria. La crisi è nemica del sogno, se l'arabo vuol scavalcare i cugini dello United e bussare alle porte dell'Olimpo deve cacciare. E gli scandali della cifra corrisposta al Milan? E chissenefrega non ce lo mettete? Kakà è un fuoriclasse che permette il salto di qualità. E' la legge del calcio bellezza, e allora forza sceicco punta alla gloria, specula con i galloni e traduci l'onirico in reale: Manchester City sul tetto del mondo. Alla faccia dei soliti moralisti privi di sogni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi