cerca

Il mattino ha l'oro in bocca

20 Gennaio 2009 alle 10:45

Pronti con i pop corn al burro fuso, gli hot dog, le bibite gassate e il cheesecake. E' ora di essere yankee, anche se non lo si è mai stati, senza vergogna o imbarazzo. Evitate però accuratamente le costate, il pollo fritto e la salsa barbeque, roba da sudisti, texani,rigorosamente repubblicani col cappello da cowboy, un amore smisurato per il southern comfort, le armi e il petrolio. Gli appestati dell'era moderna. Pronti a salire sulla giostra, grande, bella e luccicante. E' ora di rinascere in nome della nuova età dell'oro, di speranza, cambiamento, e altre cazzate di cui è bello riempirsi la bocca in occasioni così, fiorellini, fiumi di cioccolata, cose del genere. Vi sveglierete il 20 gennaio con una consapevolezza: il mondo può cambiare, il mondo è già cambiato. Scordatevi la crisi finanziaria, la recessione, la guerra preventiva, il patriot act, il terrorismo e abbracciate questo futuro, nemmeno troppo lontano, fatto di ricchezza (ovviamente equamente re-distribuita), di progresso, di pace, di amore. Tutto ovviamente in salsa politicamente corretta, anche nella scelta del cane, mi raccomando, siate accorti. Siate pronti ad abbracciare questo nuovo inizio, ad assaporare appieno la promessa del mondo nuovo, a respirare quest'aria nuova, fresca, pura, deliziante. Poi però fatemi un piccolo favore, e prima di schiantarci di nuovo contro la noiosa e mediocre realtà, fatta di malattie, di crisi, di indecisioni e dubbi, di governi perfino centristi. Prima di riprecipitare in tutto questo, sorridete al Walter de noantri, e ringraziatelo almeno per aver fatto vincere "l'abbronzato".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi