cerca

Gli altari(ni) della paura

9 Gennaio 2009 alle 10:15

E’ incredibile come avvenimenti, prima ignorati, assumano oggi una data valenza. La preghiera islamica di sabato a Milano è la riedizione in tempi nervosi dell'“innocua” analoga del '93. Si era distratti da Tangentopoli, le Twin Towers erano ancora in piedi (anche se già bersagliate dallo sceicco Rahaman), ma la denuncia dell'equivalenza di quell'atto alla presa di possesso del luogo in cui avvenne rimase lettera morta. Sabato, è vero, si è tolta la maschera devozionale, ma parlare di una dichiarazione di guerra è tardivamente ansiogeno. Si coglie lo sforzo di non far cadere la necessaria tutela dell’Occidente nella trappola della guerra santa predicata invece nell’Islam. Nel pungolare la sensibilità cristiana, un pensiero vigoroso e univoco nel cattolicesimo sapido, sempre più intimo e anacoretico, sembra smarrita la fiducia in una vittoria annunciata, non perché biblicamente profetizzata, bensì insita nel sacrificio assunto in sé che, con Cristo, ha marcato il nostro Dna, cosa che invece l’Islam trasferisce all’altro, sia esso capro rituale o infedele riottoso. Chi non ha macerato il percorso fatto sin qui dell'Occidente può invidiarne i risultati e volerli predare oppure odiarli e piegarli alla propria sudditanza religiosa. Può anche stupire la Babele espressiva della Chiesa, ma non la sordità a quel richiamo laico che magari confida in mezzi salvifici come la consacrazione alla Vergine dei GI americani operata da Pio XII e in un capitalismo dal volto rassicurante della Fenice. I conti non tornano non per spoliazione dell’idea di crociata, perché gli anonimi cavalieri che testimoniarono il loro passaggio al Santo Sepolcro incidendo una croce sul cunicolo d'accesso non furono minchionati da una spiritualità guerresca vigente all’epoca, così come al presente non lo siamo noi nel porgere quasi isterico l’altra guancia al potenziale carnefice. Cristo dà autentico scandalo perché il suo è un pensiero adulto, baloccarsi con Machiavelli dopo un po’ viene a noia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi