cerca

Corruzione: una futuribile Italia?

2 Gennaio 2009 alle 12:30

Se si riuscisse a togliere a tutti quelli che hanno profittato ("peccato") a scapito dell'interesse collettivo, l'Italia diventerebbe uno dei Paesi più "benestanti" (da concorrere con i Paesi petroliferi) ...secondo la proprietà dell'inversamente proporzionale...che la vedrebbe nel basso di una classifica del "degrado morale" e che facilmente si attaglia a molti livelli dell'amministrazione pubblica. Allora, SI',...riforma, comunque sempre tarda, della Giustizia, con pene più rigorose per atti di corruzione e snellimento di quanto, a tuttora, intercede in burocrazia e rapporto Stato-Collettività, con esemplificazione che ne riduca la possibilità di future "combines" e intrallazzi. I recenti casi della vita politica nazional-regionale...continuano, peggiorando, a mostrarci l'insopportabilità di dover assistere a questa sequela di "Amministrazioni impresentabili" (oltre che "eticamente") ; dove, per cominciare, si auspicherebbero più "tecnici" e meno "politici" ("incapaci"...ma capacissimi ad intascare) ??

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi