cerca

La maratona più bella

17 Dicembre 2008 alle 14:04

Nella lunga e garbata e senz’altro legittima maratona con cui sta cercando di accreditarsi presso tutti gli spazi praticabili del mercato politico nostrano, compresi, in qualche occasione, quelli lasciati vuoti dai banchetti dei souvenir marxisti-leninisti, allo stiloso Gianfranco Fini manca solamente l’ultimo, decisivo passo. Per liberarsi definitivamente di un passato che, con ogni evidenza, ritiene politicamente ingombrante e dopo le considerazioni espresse a proposito del riprorevole silenzio della Chiesa Cattolica in occasione della emanazione delle leggi razziali, non gli rimane che fare notare, con il consueto tatto, la colpevole disattenzione della Divina Provvidenza in occasione del quanto mai inopportuno concepimento predappiano. Il Padreterno è avvisato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi