cerca

Il primato della "prima persona"

16 Dicembre 2008 alle 09:23

Concordo con Ferrara: l'articolo di Possenti può aprire un fronte nuovo in senso alla Chiesa cattolica: quello dei cattolici che hanno a cuore la prima persona di chi muore. Che cos'è la prima persona? E' l'effetto che mi fa vivere, stare al mondo, giore, soffrire e infine morire. Solo io so cosa vuol dire essere Michele, avere ed essere questa carne che patisce e questo corpo che cambia, unico e irripetibile. Nessun altro al posto mio potrà vivere la mia morte e nessuno potrà risponderne se non io. Giusto anche distinguere il problema della fine della vita (che è sempre la mia vita, la tua vita) da quello dell'aborto (che non è la vita mia o tua, ma quella di un altro), spesso accoppiati. Per avere un'idea di cosa sia la prima persona, suggerisco la lettura del romanzo di Ishiguro, Non lasciarmi, edito da Einaudi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi