cerca

La stagione dell'inutile argine, in tempi di pioggia

15 Dicembre 2008 alle 14:56

Un pò di tempo è passato. Domande. Ancora nessun dubbio? Sicuri che sia stato utile? O forse è stato solo doveroso? Nessun dubbio che il 70% di silenti sulla fecondazione assistita non sia stato altro che la solita "maggioranza" dummy, che i sostenitori di qualsiasi "no" riescono ad evocare e poi a cavalcare (a dondolo), quale che sia la domanda? Nessun dubbio che a due persone debba essere vietato il matrimonio, se condividono i caratteri sessuali primari? Nessun dubbio che un trafiletto lapalissiano nel Catechismo sia sufficiente ad esporre la nostra opinione circa la fossa dei sodomiti? Nessun dubbio che che il mondo pulluli di "nuovi mostri", pronti a perdersi nel nulla? Nessun dubbio che l'"argine" non sia stato altro che l'ultima (in ordine di tempo) apparizione del pessimismo cosmico, per cui non si può accendere il fuoco, non si può scrivere, non si può prestare denaro, non si può guardare nelle visceri e nel telescopio, se no "chissà dove andiamo a finire"? Perchè io un dubbio ce l'ho. Un brutto giorno il pessimismo cosmico avrà ragione (è statistica), e gli ottimisti come me se ne accorgeranno tardi. Ma che fare? Certo gridare "al lupo" ad ogni piè sospinto non aiuta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi