cerca

La marcia indietro della Gelmini

13 Dicembre 2008 alle 08:21

La marcia indietro della gelmini è una grave ipoteca sulla prospettiva che il governo sia in grado di fare qualche cosa di serio, oltre naturalmente a sopravvivere cinque anni, che in Italia è cosa seria, molto seria, e alle cose che interessano Berlusconi in persona, tipo la giustizia. Ma se non sei in grado di farle le cose, di portarle a termine, perchè le cominci? O forse è solo tutta una commedia? Tutti sapevano che la scuola era un vespaio, che agli insegnanti sono riconosciuti diritti che nessun altro dipendente pubblico ha, incluso aprire partita IVA senza essere part-time (gli altri dipendenti pubblici devono essere part-tima al 50%), che 50 studenti possono impunemente bloccare un istituto di 1000 studenti con "un'occupazione" e danni e furti li paga lo Stato, che gli studenti quando protestano "scioperano" anche se non perdono un euro e non hanno responsabilità familiari (ergo sciopererebbero per nulla). Sig. Bossi, prenda nota per il suo federalismo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi