cerca

Dove sono gli intellettuali pidiellini?

2 Dicembre 2008 alle 07:30

E' possibile che il più grande evento politico della storia d'Italia sia completamente ignorato? E' possibile che a nessuno interessi dare ragione (cioè il compito principe di un intellettuale) della nascita, per la prima volta in Italia, di un vero polo liberal-popolare, il PDL? Abbiamo sentito e letto infinite analisi sulle più indistinguibili novità nominalistiche del PCI-PDS-DS-PD e, viceversa, per una novità vera e sostanziale dall'altra parte, non si sente nulla di nulla. Che cos'è il PDL? Quale il suo scopo nella vita politica e culturale del paese? Quale la sua antropologia, la sua visione del mondo, la sua visione della laicità? Nada de nada. A questo punto, allora, che lo facciamo a fà? Per far vedere quanto è bravo il maestro unico Berlusconi a unire tutti in una sola classe? Ma, allora, quando il maestro andrà in pensione, che succederà?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi