cerca

Liberismo valori e realtà

26 Novembre 2008 alle 19:38

Ringrazio il signor Fiorini per i consigli, ma i testi, lei non ci crederà, li conosco perfettamente. La teoria liberista è perfetta, bellissima, non fa una piega. Solo che il mercato ed il mondo non funzionano così. E' da Adam Smith in poi che le cose non vanno come la teoria prevedeva. Allora, stante che non voglio i piani quinquennali, stante che sono una capitalista convinta, stante che riconosco pienamente che solo il liberismo, un certo liberismo, può portare progresso economico, rimane che il capitalismo ed il liberismo che hanno trionfato nel mondo occidentale hanno portato con sé una povertà spirituale innegabile. Solo che finché continuiamo a trincerarci dietro le nostre ideologie,eludendo le domande come fa il signor Fiorini,rimanendo ciechi di fronte alla realtà, continuando a pensare che tutti i danni di questo mondo siano figli del 68 (che di danni ne ha fatti, ma di sicuro la perdita dei valori è figlia di altre dinamiche: devi consumare l'inutile perché l'utile già ce l'hai, e con l'aiuto dei media io ti convinco da quando nasci che hai bisogno di tante cose per essere migliore,che devi apparire e non essere, e per apparire devi comprare. Per pensare, pregare, riflettere, meditare, amare, non devi comprare, anzi. Quindi sono cose che non ti spingo a fare, e di cosenguenza in prima serata ti becchi la DeFilippi e le chiappe di Belen, ma se vuoi sapere quel che succede nel mondo o approfondire discorsi sulla crisi culturale e morale dell'Occidente devi essere un nottambulo insonne) dicevo finché continueremo a non metterci mai in discussione, tutto rimarrà come sempre, anzi peggiorerà come è sotto gli occhi di tutti che sta accadendo. A volte invidio chi si nasconde al mondo dietro le propri granitiche ed indiscutibili certezze: poi mi ravvedo e son invece orgogliosissima di non farlo mai.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi