cerca

La nostra Arancia Meccanica/II

26 Novembre 2008 alle 09:00

Ha ragione. Ieri quando ho letto questo ulteriore gravissimo fatto di 'bullismo spinto' non nascondo di aver avvertito ancora una volta un brivido lungo la schiena. Purtroppo casi analoghi si sono già verificati e credo si verificheranno ancora. Non capisco perchè questi soggetti non debbano essere immediatamente definiti delinquenti piuttosto che adottare definizioni scialbe in attesa dei soliti lunghissimi processi penali. Il problema credo nasce innanzitutto nella famiglia, diciamo la verità, che purtroppo è allo sbando per motivi che sono sotto gli occhi di tutti, i ragazzi ottengono troppo, abiti griffati, soldi in tasca, auto concesse in uso troppo spesso da genitori superficiali e chi più ne ha più ne metta. A sua volta, e solo in parte, la famiglia è condizionata dalla competività sfrenata che potrebbe vedere i figli in condizione di inferiorità rispetto ai coetanei se non accontentati, poi ciliegina sulla torta i media che troppo spesso si trasformano in fiere della vanità. Sicuramente sono all'antica e ciò di cui avverto la mancanza nella odierna società sono i valori. Guai a parlarne ma che dico ad accennarne, si corre il rischio di essere tacciati di bacchettoni. Bisogna tornari ai sogni, ai desideri, alle piccole conquiste altrimenti non si va da nessuna parte. Non dobbiamo allora indignarci se accadono queste cose tremende.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi