cerca

Non nominare il nome di Dio invano

24 Novembre 2008 alle 21:33

Per la signora Livia, che vuole una risposta sulla volontà di Dio. Nessuno può rispondere cara signora alla sua domanda, perché la volontà divina è imprescrutabile. In un contesto tale non si nomina il nome di Dio invano. Quel che dobbiamo avere il coraggio di fare è pensare alla nostra, di volontà. In questione non è quel che Dio vuole, ma come noi oggi, qui ed ora, siamo in grado di rapportarci alla persona di Eluana e a tutti coloro che sono nella sua condizione. Viene chiesta a noi tutti una risposta individuale, e la nostra acclarata incapacità di fornirla non deve portarci a cercare altri responsi, che peraltro non possiamo ottenere. Possiamo lavarcene le mani, come tutti quelli che preferiscono il grigiore della non scelta. O possiamo dire che la sua vita non è più degna, come fanno invece tutti coloro che si affannano per mettere fine a quel che resta della sua esistenza e che preparano una società di esclusi. Oppure possiamo semplicemente riconoscere che la nostra vita non risiede nelle condizioni in cui possiamo di volta in volta venirci a trovare, ma abbia un valore infinitamente superiore che le oltrepassa. Tanto più se si respira da soli, se da soli si segue il ciclo veglia/sonno e se non si ha bisogno che di un po’ di nutrimento. Come tutti, del resto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi